Home page

IL CARRO DEL SOLE

 

Si tratta di una evoluzione ed approfondimento della teoria della presenza extraterreste sulla terra lungo la storia nell’attualità ed elabora proiezioni per il futuro o per meglio dire, mira a demolire quelle che impropriamente si propongono come profezie di un’eluttabile futuro, promuovendo la visione delle stesse come programmi di queste entità extraterresti per il nostro futuro.

Futuro che invece aspetta di essere scritto con la penna autodeterministica della nostra anima.

Anima come serbatoio dei nostri desideri più puri, che a nostro avviso va espressa e valorizzata guardando dentro di noi e con le indicazioni di quelli che si sono occupati della promozione umana prima di noi.

 

LA TEORIA DEGLI ANTICHI ASTRONAUTI

 

Questo studio si propone come elaborazione ed approfondimento di quella che popolarmente viene conosciuta come teoria degli antichi astronauti, il cui studio riteniamo indispensabile per la comprensione dei temi che trattiamo.

 

La teoria attualmente discussa viene rielaborata ed integrata attraverso l’analisi di argomenti che noi riteniamo inesplorati o non correttamente esplorati e che di seguito elenchiamo:

 

- Lo studio di anomalie geologiche che a nostro avviso non sono frutto del meccanismo della tettonica a zolle, ma dell’interazione di corpi celesti con la superficie della terra.

 

 

- L’esame attento dei racconti di Platone che sommariamente vengono chiamati mito di Atlantide, ma in realtà contengono informazioni molto dettagliate su corpi celesti che vengono deviati dalla loro orbita finendo per interagire con la terra, ponendo l’attenzione sul mito del carro del sole di Fetonte che da il nome al nostro studio. Infatti, secondo i racconti di Platone è una descrizione accurata dei fenomeni prodotti dall’impatto di questi corpi celesti con la terra, che sarebbero deviati in modo artificiale da queste entità extraterresti con lo scopo principale di usarli come navetta per trasportare l’oro che estraggono sulla terra sul loro pianeta di origine quando questo passa nelle vicinanze del sole.

 

 

- Lo studio dei luoghi che probabilmente sono stati sede di miniere extraterrestri nel corso della storia.

 

 

 

- Lo studio della Bibbia come descrizione di una fase storica e di ciclo di minerazione  aliena sulla terra: a nostro avviso i racconti del Vecchio Testamento sono strettamente collegati alla logistica di estrazione e trasporto dell’oro da parte degli extraterrestri verso il pianeta di origine nel momento in cui la sua orbita è vicino al sole.

 

 

Teniamo presente che la Bibbia contiene informazioni sulla figura di Gesù che  probabilmente visse in quel periodo per attirare la nostra attenzione su questioni di vitale importanza per l’umanità riguardanti quel tempo e quel luogo. La sua figura va restaurata nella sua effettiva fisionomia al fine di comprendere il ruolo che hanno le sue indicazioni per evitare eventuali pericoli incombenti ovverosia la tanto discussa salvezza.

 

Probabilmente il restauro di questa figura e del suo messaggio saranno la sua resurrezione e la seconda venuta effettiva, contrariamente a quanto riportato nell’Apocalisse di Giovanni, che pur essendo preziosa per la ricostruzione storica di questa ricerca, in realtà, secondo noi, non è altro che la descrizione del programma del prossimo ciclo di minerazione sulla terra, descrizione di eventi che una delle fazioni in lotta di queste esseri extraterrestri vorrebbe realizzare, ma che potrebbe fallire, come accade ai tempi di Gesù.

 

La storia del fallimento del precedente programmae probabilmente di altri programmi precedenti è parte fondamentale del presente studio.

 

- Lo studio delle risultanze archeologiche in funzione dei vari cicli di minerazione.

 

 

Per chi fosse interessato a tutto questo consigliamo la lettura di un documento di approfondimento, in cui si ipotizza che i fenomeni inspiegati manifestatisi in Canneto di Caronia siano attribuibili ad un radiofaro che avrebbe  lo scopo di dirigere il passaggio di questo planetoide artificiale navetta nella sua rotta classica, il Mediterraneo, in un passaggio programmato.

 

 

Ricordiamo che è solo una delle ipotesi, in quanto il paese di Canneto si trova nelle vicinaze di Reggio Calabria, sede dell’aeroporto di S. Eufemia d’Aspromonte, luogo da dove le maestranze sono partite nel 400 a.C. per rientrare sul loro pianeta dopo il penultimo ciclo di minerazione prima che si allontani troppo dal sole.

 

 

La presenza dell'aeroporto di S. Eufemia d’Aspromonte sarebbe rilevata dai templi della Magna Grecia, che altro non sarebbero che dei radiofari che dirigevano i voli navetta che trasportavano le maestranze dalle varie miniere della terra allo spazioporto.

 

 

Questo documento è proposto come ipertesto. Pertanto, offre tutti i vantaggi di questo tipo di strumento quali link e la possibilità di essere aggiornato.

 

Pertanto chi volesse essere informato tramite e-mail delle successive evoluzioni o comunicare osservazioni e/o miglioramenti può scrivere agli autori all’indirizzo

 

tatiana.brasil.italia@hotmail.com

 

Diego Quattrone, Ingegnere Elettronico appassionato di ufologia.

Tatiana Marchiori Soares, laureata in Legge in Brasile e laureata in Italia come Docente di Lingua Italiana per Stranieri, è appassionata di storia alternativa legata all’ufologia.

 

Questo studio è messo a disposizione  gratuitamente , gli autori

 si coccupano come professione di Traduzioni per il sottotitolaggio

 

Da sempre appassionati dei fenomeni ufologici, si sono interessati ultimamente dell’archeologia alternativa, spesso definita dall’archeologia tradizionale fanta-archeologia. Si sono interessati alle teorie e alle pubblicazioni di Erich von Däniken, Zecharia Sitchin, Mauro Biglino.

 

Lungi dal voler proporre verità dogmatiche, lo scopo principale della divulgazione di questo documento, è quello di stimolare il commento di esperti dei vari settori, storia, archeologia, geologia, astronomia, al fine di appurare se le nostre osservazioni sono pertinenti.

 

L’utilizzo di questo documento e di ogni sua parte è sottoposto all’autorizzazione degli autori.